Jump to Navigation

23-05-2015 "Donazione e Trapianti: cultura di vita" Asigliano (VC)

Domenica, Maggio 24, 2015

In tutto il mondo le politiche di donazione organi, tessuti e cellule, variano notevolmente.

In Italia, la legge stabilisce che ci deve essere il consenso dell’interessato o chi per lui ne fa le veci, per cui il problema ricade sulla famiglia o sulle persone a lui più vicine.

Non è certo una decisione facile, ma in una società come la nostra, dove la medicina dei trapianti è la società che cura se stessa è importante essere informati, è importante parlarne poi ognuno si comporta come meglio crede ma la corretta informazione è basilare.

La donazione di organi e tessuti rappresenta un atto di grande solidarietà verso il prossimo, un segno di civiltà, di rispetto per la vita e di maturazione culturale di un Paese, nonché costituisce un’efficace terapia per alcune gravi malattie e l’unica soluzione per patologie non altrimenti curabili.

Per questo motivo e nell’ambito di una campagna informativa sviluppata con il Coordinamento Regionale delle Donazioni e Prelievi Venerdì 22 Maggio 2015, alle ore 20,45 ad Asigliano nel Salone Santa Marta c'è stato l'appuntamento per la Serata Informativa sulla Donazione e Trapianti: cultura di vita.

La parte scientifica è stata trattata dal Dott. Raffaele Potenza (medico rianimatore) del Coordinamento Donazione e Prelievi (C.R.P.) della Regione Piemonte e Valle d’Aosta. Chi può donare? Chi può essere Donatore! La morte encefalica cos’è, come viene constatata? La differenza tra Coma e Stato Vegetativo. Questi e altri ancora i temi trattati.

A completamento del quadro da offerto alla popolazione ci sono state le Testimonianze di Vita di persone che hanno vissuto questa esperienza come Sonia la mamma della piccola Ylenia trapiantata quando aveva un anno di età e altri trapiantati di cuore e rene.

Grandi storie di dolore e di gioia, di sofferenza e di rinascita, di morte e di vita, ma con un unico comune denominatore, l'Amore per il prossimo.

Ecco perché bisogna parlare a tutti del valore straordinario della donazione.

“Purtroppo ancora oggi quando parlo di donazione organi vedo che qualcuno storce il naso o velocemente “si tocca” ma vorrei dire a loro che nei letti dell’Ospedale alle  Molinette, nel Reparto di Cardiochirurgia del Prof. Mauro Rinaldi, purtroppo non vedo solo sessantenni, ma giovani con 18 anni, 24 anni, 35 anni e le statistiche ci dicono che su 5 donatori, 4 nell’arco della vita diventano riceventi per cui il problema è che in attesa di un organo si continua a morire. Chiederemo ufficialmente all’Amministrazione di Asigliano di aderire al progetto ”Donazione in Comune”

 

Alla serata Patrocinata dal Comune di Asigliano hanno aderito A.C.T.I. – A.I.D.O. – F.I.D.A.S. – T.P.A.+Amici – Comitato Folkloristico Asiglianese – Macchine Agricole – Pro Loco e la Famiglia Asianota.

 



Main menu 2

about seo