Jump to Navigation

di Mamma Sonia

Domenica, Febbraio 9, 2014

Ylenia, bimba dolce, vivace, pacioccona, sempre col sorriso sulle labbra, pronta a mandare baci a chiunque durante i nostri giretti quotidiani per Aosta...il ritratto della salute e della spensieratezza, in 10 mesi mai nemmeno una febbre!!

A novembre arriva una tosse, abbinata al nasino che colava, il primo freddo di Aosta, i dentini... I medici ci tranquillizzavano dicendo che era normale, sarebbe passata con un po' di aerosol. Il 14 novembre Ylenia era spossata, pallida, la tosse era peggiorata, allora decidiamo di portarla al pronto soccorso di Aosta, dove le viene diagnosticata una polmonite, quindi iniziamo la terapia antibiotica del caso, ma la saturazione era sempre bassa e i suoi battiti non scendevano al di sotto di 155; il giorno dopo ECG e a seguire ecocardio...

Ero inconsapevole dell'incubo che stava iniziando! Dopo 15 minuti dalla fine dell'esame eravamo su un'ambulanza, a sirene spiegate, diretti al Regina Margherita. Siamo arrivate in meno di un'ora, trasportate subito in reparto di cardiochirurgia. Ad attenderci un cardiologo e due anestesisti, eseguito un nuovo ecocardio, e da quel momento l'incubo... La diagnosi di "scompenso cardiaco grave in miocardite dilatativa" il panico... Non riuscivo a realizzare... Mezz'ora dopo accompagno la mia piccola in sala operatoria per mettere un centrale, l'ho portata in braccio, ma quando è stata dentro i suoi polmoni, già parecchio compromessi, hanno smesso di respirare: intubata e portata in rianimazione cardio chirurgica. Ricordo che appena prima di entrare in sala operatoria dissi all'anestesista " fate tutto quello che è necessario, ma ridatemi mia figlia".. E lui rispose " speriamo di essere all'altezza delle sue aspettative, ma la situazione e' molto grave".

Il 20 novembre Ylenia e stata sottoposta a biopsia perché non dava alcun segno di ripresa nonostante i farmaci, ma il suo cuore era ridotto talmente male che ha subito un tamponamento cardiaco ed un arresto lungo... Il panico....nella stessa sera e' stata collegata all'ecmo, che ha tenuto per 13 giorni. Arrivati gli esiti della biopsia si è scoperto che a provocare tutto era stato un VIRUS banale.... Eravamo disperati!

Dal 23/11 Ylenia e' stata inserita in lista trapianti in codice 0, a livello nazionale ed internazionale, le sue condizioni non accennavano a migliorare, tanto che per gli eccessivi sanguinamenti, il 3 dicembre si è dovuti passare ad un cuore artificiale, il Berlin Heart; ma anche in quel post operatorio Yle ha avuto uno scompenso, poi finalmente dopo una decina di giorni, quindi finalmente ho potuto rivedere gli occhi della mia piccola aperti, per parecchio tempo ho avuto tanta paura di non averli più rivisti!

Piano piano Ylenia si era ripresa, mangiava, giocava, e aveva ricominciato a sorridere!!! Il 7 gennaio siamo state trasferite in reparto di cardiochirurgia. Avevo già iniziato a organizzare una grande festa per il 1 compleanno di Ylenia, avrei voluto una grande festa, con tutti i bimbi del reparto... L'8 sera si avvicina un'infermiera: il medico voleva parlarmi... Pensavo... Cosa deve dirmi il Dottore alle 21,30? Poi ho realizzato..."e' arrivato il cuore???!!!!""se tutto va bene andrà in Sala operatoria alle 8 per il trapianto" ...rimasi allibita, scioccata...durante tutti quei mesi ho pregato tanto, ma non ero mai riuscita a chiedere che arrivasse un cuoricino per la mia piccola, nonostante fosse l'unica nostra possibilità di salvezza... Pregavo che guarisse, che ripartisse da solo... E invece era in arrivo il suo grande dono... La vita per la seconda volta!!!! Quella notte non ho dormito, avrei voluto sapere la storia di quel bimbo/a...alle 8 Ylenia e' andata in sala operatoria... E da quel momento non ho smesso un secondo di pensare a quell'angioletto, ai suoi genitori, alla famiglia.. Doveva essere uno dei giorni più belli della mia vita, la rinascita... Invece non sono riuscita a gioire come pensavo... Nel momento in cui il chirurgo ha chiamato per dare l'ok sono crollata...pensavo alla disperazione della famiglia, al dolore, al grande altruismo... Erano riusciti a pensare a donare la vita ad altri bimbi in un momento così tragico... Stavo male come se li conoscessi da sempre, condividevo il loro dolore, e pregavo affinché sapere che il cuoricino continuava a battere in un'altra bimba, potesse in qualche modo alleviare un po' il dolore... Il cuoricino e' arrivato alle 11,30 e l'intervento e' finito alle 16,30 circa...quella notte siamo crollati.

La prima cosa che ho fatto al mattino e' stato chiamare in tic per sapere se era tutto vero, e non un sogno... Era vero! il decorso post operatorio e' stato regolare, il giorno seguente al trapianto la mia piccola era estubata e sveglia!!! Dopo una settimana siamo tornate in reparto! Ho fatto il diavolo a 4 per sapere qualcosa del donatore, avrei voluto mandare, anche in forma anonima un cuoricino come messaggio alla mamma e dire "grazie per avermi affidato il cuore della tua creatura ed aver dato la vita alla mia principessa" ma non mi è stato possibile...

Quel bambino fa parte della nostra vita, dei nostri pensieri quotidiani.... E' il nostro angelo del cuore.... Non potrò mai dimenticare.... Ed insegnerò ai miei figli cosa vuol dire "amare gli altri" raccontandogli ogni singolo minuto del nostro incubo, ma sopratutto del nostro dono!!!!!

Preparavo la festa per il suo compleanno ed abbiamo ricevuto il regalo più grosso da sconosciuti.... Mi sento davvero in debito, con loro, con il mondo, con Dio!!!! Mia figlia vive grazie alla generosità di un'altra famiglia, ma sopratutto vive per l'altruismo di una mamma, un papà e magari dei fratellini, dei nonni, degli amichetti....questo dolore purtroppo lo porterò sempre nel mio cuore!!!! Ora e troppo presto ma so che prima o poi conosceremo queste persone.... Loro sono sempre nel nostro cuore e nelle nostre preghiere, e penso che lo sappiano....il loro cucciolo e' con noi, ad ogni battito... E noi ne avremo rispetto ed amore....

Un grazie particolare per tutte le attenzioni sia professionali che emotive vanno al Dott. Carlo Pace Napoleone, Dott. Aidala, Dott. Valori, Dott. Deorsola, Dott.ssa Cascarano, tutta l'equipe cardiologica, e all'equipe della rianimazione cardiochirurgica della Dott.ssa Rizzo, a tutto il personale, che, oltre a fare di tutto per la nostra piccola, ci ha supportati in un momento orrendo della vita dalla nostra famiglia. Grazie per averci creduto fin dall'inizio! Ora posso davvero dire che siete all'altezza delle aspettative che ogni mamma ripone in voi, affidandovi il proprio figlio!!! Vi porteremo sempre tutti nel cuore, grazie per aver ridato la vita alla nostra cucciola!

Commenti

Onore alla Famiglia che ha donato. Auguri alla piccola Ylenia e un abbraccio alla grande Mamma



Main menu 2

about seo